ASSICURAZIONE PER I RISCHI PROFESSIONALI Stampa
Giovedì 19 Luglio 2012 12:27

La legge 12 novembre 2011, n. 183 recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2012)”, all’art. 3 comma 5 lett. e), prevede testualmente:

“a tutela del cliente, il professionista e' tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall'esercizio dell'attivita' professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilita' professionale e il relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai Consigli Nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti;

La legge 24 marzo 2012, n. 27 – Conversione in legge, con modificazioni al decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività”, all’art. 9 comma 4 recita testualmente:

“Il compenso per le prestazioni professionali e' pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessita' dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve

altresi' indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attivita' professionale. In ogni caso la misura del compenso e' previamente resa nota al cliente con in preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Al tirocinante e' riconosciuto un rimborso spese forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di tirocinio”

Dalla lettura della normativa, si evince che, tutti i professionisti, compresi quelli dell’area medica (medici e odontoiatri), hanno l’obbligo di stipulare un’assicurazione per la copertura della responsabilità civile professionale e sono tenuti, altresì, al momento dell’accettazione dell’incarico, a informare il cliente sugli estremi della polizza e sui massimali.

Sino ad ora al professionista veniva consigliato di stipulare una assicurazione rischi, ora vi è l’obbligo.

La norma prevede che le condizioni delle polizze possono essere negoziate dai Consigli Nazionali e dagli Enti Previdenziali dei professionisti, al fine di stipulare convenzioni e offrire condizioni speciali e a condizioni vantaggiose a favore dei propri iscritti.

Gli iscritti sono pertanto liberi di scegliere la polizza più adeguata alle loro esigenze.

L’Ordine avrà comunque cura di informare tempestivamente i propri iscritti convenzioni proposte anche a livello nazionale .

In merito alla data entro la quale si deve adempiere all’obbligo di legge, la FNOMCeO ha pubblicato la comunicazione n° 62 che riportiamo di seguito.

 

COMUNICAZIONE N. 62